STREGHERIE. EDIZ. ILLUSTRATA

35.00

Autore: SCARLINI LUCA
Editore: SKIRA
Collana: CATALOGHI
ISBN: 9788857249308
Pubblicazione: 27/01/2023

1 disponibili (ordinabile)

COD: 9788857249308 Categoria:

Descrizione

Fatti, scandali e verità
sulle sovversive della storia

Stampe e incisioni di maestri della grafica, trattati,
amuleti e oggetti per i rituali magici. La figura della strega
nella storia dell’arte antica e moderna.

La strega nell’immaginario popolare è una donna vecchia, rugosa e
diabolica, o anche una sensuale tentatrice che ammalia le persone con
inganni, incantesimi e pozioni.
Oggi le streghe sono associate alle fiabe, alla letteratura fantasy, ai cartoni animati e anche ai film di supereroi, tuttavia, la storia della stregoneria è molto più complessa: se nella mitologia antica le streghe erano
dee sagge e soprannaturali da venerare, ben presto divennero donne
scomode da ?sopprimere?, poiché rappresentavano una minaccia tangibile per la società degli uomini.
Presentando una collezione di stampe antiche unica al mondo, che
mette insieme incisori dai toni cupi come Dürer o Goya e artisti dai
colori morbidi come Delacroix e Waterhouse passando per straordinari
illustratori anonimi dimenticati, presentando scene di malefici, torture,
sabba osceni, crudi episodi di stregoneria, ma anche favole di streghe
buone, zingare che guariscono bambini dalle malattie e simboli magici
nascosti in quadri pastorali, Stregherie mira a raccontare come queste
storie sono state funzionali ad alimentare le distorsioni, le fake news ma
anche la percezione secolare che poi ha generato le figure di streghe
che tutti conosciamo.
Una storia vecchia e nuova di streghe, tra conoscenze antiche, cerimonie nascoste, sacralità ed erotismo per raccontare una figura di donna
rimossa dalla cultura e dalla vita.
Il volume presenta oltre cento incisioni originali antiche scelte dal
curatore all’interno della collezione Invernizzi e da altre fonti e una
selezione di testi immancabili per un percorso dedicato al tema della stregoneria, come il Malleus Maleficarum (il martello delle streghe)
nell’edizione del XVI secolo